Chi vuol essere Volontario

il

Fare volontariato significa donare spontaneamente parte del proprio tempo e delle proprie energie ad un progetto o un’opera di carattere sociale, senza scopo di lucro.
Ma quando si rivela veramente preziosa l’opera del volontario?

Non quando mancano i fondi per concretizzare un progetto importante.
Non quando non sappiamo come impiegare troppo tempo libero o vogliamo impegnarci in un’attività che “faccia curriculum”.
Non quando vogliamo salvare il mondo: nessuno di noi è Superman.
Certo, tutte e tre sono motivazioni valide, ma nella mia personale esperienza il volontariato diventa insostituibile quando dà un valore aggiunto che spesso trascende questi aspetti.

volontariato-beneficenza

Quando si è veramente disponibili a mettersi in gioco, in un contesto magari difficile, e lo si fa spinti da un tipo di motivazione che si chiama intrinseca, ossia che viene da dentro di noi, allora è possibile creare con le persone che stiamo “aiutando” una relazione autentica, che costituisce una buona base perchè avvenga uno scambio che il più delle volte è reciproco.

Provo a chiarire facendo un esempio. Da qualche anno faccio come volontariato attività di doposcuola con minori (preadolescenti).
Quando ad un certo punto scoprono che non vengo pagata, e che andare da loro non mi serve per ottenere crediti nè altro, rimangono spiazzati, senza parole, per ben… 5 secondi (e chi ha a che fare con i ragazzini sa quanto questo tempo, in realtà, sia lunghissimo!).
La mia stessa presenza serve a trasmettere loro un messaggio: che l’istruzione è importante, che qualcuno tiene al fatto che passino l’anno e che siano curiosi e consapevoli, nelle relazioni tra di loro, come per gli argomenti di scuola o di attualità.

7b99fa0f-6671-4742-809e-5c5da52ecbdd_large

Nel momento in cui questo messaggio implicito riesce a passare, cambia anche il mio lavoro con loro. Non devo più lottare contro i mulini a vento e cambia il mio ruolo ai loro occhi. Iniziano ad aprirsi, a considerarmi una risorsa per lo studio, e contemporaneamente si accorgono che nonostante la differenza d’età sono un essere umano, e così fioccano le domande sulla mia vita, e i racconti sulla loro.

Quando si viene a costruire questo tipo di relazione, diventa difficile anche capire chi sta aiutando chi; il volontario non ottiene un riconoscimento in denaro, ma diventa un essere umano estremamente più ricco.


Queste sono solo alcune considerazioni personali su un argomento molto attuale e che, evidentemente, mi sta a cuore. Se qualcuno ha esperienze e idee da condividere, vi prego di approfittare dello spazio dato dai commenti, altrimenti chi lo desidera può contattarmi anche in privato.
Grazie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...